Con la legge di bilancio del dicembre 2016 è stata estesa ed incrementata la misura della somma aggiuntiva (c.d. quattordicesima mensilità) per i pensionati che hanno compiuto 64 anni di età al 31 luglio e che hanno un reddito annuo compreso tra una volta e mezzo e due volte il trattamento minimo. Con il messaggio n. 1366 del marzo 2017 l’INPS ha fornito le prime indicazioni per l’applicazione della misura con le novità introdotte.

La quattordicesima spetterà con un importo pieno ai pensionati che hanno un reddito complessivo fino a una volta e mezzo il trattamento pensionistico minimo (€ 9786.86). Se il reddito del pensionato supera la soglia annuale di una volta e mezzo il minimo ed è entro le due volte il trattamento minimo (€13.049,14), la quattordicesima verrà corrisposta in modo ridotto. Gli importi della somma aggiuntiva varieranno in generale da un minimo di 336 a un massimo di 655 euro, in base all’assegno percepito normalmente e agli anni di contributi versati.