Giurisprudenza

Quietanza a saldo: per la Cassazione serve la piena consapevolezza del lavoratore

Attenzione a come viene circostanziata la quietanza a saldo, ovvero la dichiarazione con cui il lavoratore da atto di aver ricevuto una somma di denaro a soddisfacimento delle proprie richieste: secondo la Cassazione quest’ultimo deve essere pienamente consapevole delle rinunce in essa contenute. Il chiarimento è contenuto nella sentenza della Suprema Corte n. 23296 del […]

leggi tutto

Gli obblighi del datore di lavoro domestico ‘persona giuridica’: si al sostituto di imposta ma no all’invio del Durc

Così come il lavoro domestico non può essere solo ed esclusivamente ricondotto alle mansioni di colf, badanti e baby sitter, anche il datore non è sempre un singolo individuo (persona fisica). Esistono, infatti, dei casi in cui ad assumere personale domestico siano persone giuridiche, una differenza sostanziale e non solo nella nomenclatura del diritto. In […]

leggi tutto

Gli obblighi del datore di lavoro domestico ‘persona giuridica’: si al sostituto di imposta ma no al Durc

Così come il lavoro domestico non può essere solo ed esclusivamente ricondotto alle mansioni di colf, badanti e baby sitter, anche il datore non è sempre un singolo individuo (persona fisica). Esistono, infatti, dei casi in cui ad assumere personale domestico siano persone giuridiche, una differenza sostanziale e non solo nella nomenclatura del diritto. In […]

leggi tutto

Cassazione: ultima sentenza su lavoro domestico e convivenza more uxorio

Le prestazioni domestiche svolte nell’ambito di una relazione affettiva, seppur fuori dal vincolo del matrimonio, possono essere considerate lavoro subordinato? Il tema stato recentemente oggetto di una sentenza della Corte di Cassazione (Sez. Lavoro, 30899/2018) che ha rigettato il ricorso presentato da una donna che chiedeva agli eredi del suo convivente l’accertamento dell’intervenuta esistenza di […]

leggi tutto