Regolarizzazione di colf, badanti e baby sitter in nero: si parte lunedì 1 giugno con le domande

Emersione dei rapporti di lavoro di colf, badanti e baby sitter in nero.
Da lunedì primo 1 giugno si parte con le domande!
Assindatcolf è pronta a sostenere le famiglie che vogliono avviare le pratiche.

Ecco tutto quello che c’è da sapere sul provvedimento contenuto del Decreto Legge cosiddetto ‘Rilancio’.

Le domande potranno essere presentate dal 1 giugno al 15 agosto 2020, a farlo potranno essere i datori di lavoro che intendano regolarizzare un rapporto già in essere con cittadini italiani, comunitari e non.

Al datore di lavoro sarà richiesto il pagamento di un contributo di 500 euro a copertura degli oneri connessi all’espletamento della procedura di emersione, a cui si aggiungerà un ulteriore contributo ancora da stabilire che servirà per coprire gli oneri retributivi, contributivi e fiscali.

Non possono essere regolarizzati i cittadini stranieri che hanno avuto un provvedimento di espulsione, che risultino segnalati ai fini della non ammissione nel territorio dello Stato o che siano stati condannati per particolari reati. 

Una volta approvata la procedura sarà consentito lo svolgimento dell’attività lavorativa esclusivamente alle dipendenze del datore di lavoro che ha presentato l’istanza.

Il decreto prevede, infine, il raddoppio delle sanzioni amministrative e penali per quei datori di lavoro che continueranno ad impiegare lavoratori stranieri con permesso scaduto al 31/10/2019 senza aver presentato domanda di regolarizzazione.

In attesa che venga approvata la circolare esplicativa interministeriale contenente le modalità operative per presentare la domanda (entro 10 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Dl) mettiti in contatto con i nostri uffici per non perdere tempo prezioso!

Chiama ora

800.162.261

oppure compila il modulo
verrai ricontattato da un nostro esperto il prima possibile